Crea sito

Onde Beta

Onde Cerebrali (Alpha, Beta, Theta, Delta)

COSA SONO ONDE CEREBRALI?

Alla base di tutti i nostri pensieri, emozioni e comportamenti c’è una comunicazione tra i neuroni all’interno del nostro cervello. Le Onde cerebrali sono prodotte da impulsi elettrici sincronizzati da masse di neuroni comunicanti tra loro.

 

Le Onde cerebrali vengono rilevate utilizzando dei sensori posizionati sul cuoio capelluto. Sono suddivise in larghezze di banda per descrivere le loro funzioni (vedi di seguito), ma sono pensate più come uno spettro continuo di coscienza; da lento, forte e funzionale – a veloce, sottile e complesso.

Un’analogia utile per le onde cerebrali è quella di immaginarle come note musicali – le onde a bassa frequenza sono come il battito di un tamburo che penetra in profondità, mentre le onde cerebrali di frequenza più alte sono più come un flauto con un suono acuto e sottile. Come una sinfonia, le frequenze superiori e inferiori si collegano tra loro attraverso armoniche.

Le nostre onde cerebrali cambiano in base a ciò che stiamo facendo e a come ci sentiamo. Quando le onde cerebrali più lente sono dominanti possiamo sentirci più stanchi, lenti, pigri, o sognanti; mentre le frequenze più alte sono dominanti quando ci sentiamo vigili e attivi.

Le descrizioni che seguono sono molto semplificate – si tratta di cose sono molto più complesse, e le onde cerebrali riflettono aspetti diversi quando si verificano in luoghi diversi nel cervello.

La velocità delle onde cerebrali è misurata in Hertz (cicli al secondo) e sono divisi in fasce che delimitano onde lente, moderate, e veloci.

  • Infra-gravi (<.5HZ)

Le onde cerebrali Infra-basse (noto anche come potenziali corticali lenti), si pensa siano i ritmi corticali di base che sottendono le nostre funzioni cerebrali superiori. Si sa molto poco circa queste onde cerebrali. La loro natura lenta le rendono difficili da individuare e misurare accuratamente, così sono stati fatti pochi studi, anche se sembrano assumere un ruolo importante nella tempistica  di risposta del cervello della la funzione delle connessioni.

  • Onde Delta (da 0,5 a 3 Hz)

Delta Waves, the slowest but loudest brainwavesOnde Delta, le più lente ma anche le più forti (alte) onde cerebrali (a bassa frequenza ma profondamente penetrante, come un ritmo di batteria). Esse sono generate durante una profonda meditazione e nel sonno profondo o senza sogni. Le onde Delta sospendono la consapevolezza esterna e sono fonte di empatia. La guarigione e rigenerazione sono stimolati in questo stato.

 

  • Onde Theta (da 3 a 8 Hz)

Theta brainwaves, occur in sleep and are also dominant in deep meditation.

Le onde cerebrali Theta si verificano più spesso durante il sonno, ma sono anche dominanti durante una profonda meditazione. Esse agiscono come il nostro portale per l’apprendimento e per la memoria. I nostri sensi sono ritirati dal mondo esterno e quindi concentrati su segnali provenienti dall’interno. E ‘quello stato crepuscolare che ci porta in un sogno, ci da intuizioni e informazioni oltre la nostra normale consapevolezza. Il luogo dove “conserviamo le nostre cose”, paure, storie tormentate e incubi.

  • Onde alfa (da 8 a 12 Hz)

Alpha brainwaves occur during quietly flowing thoughts, but not quite meditation.

Le onde cerebrali alfa si verificano durante pensieri mentre si è in uno stato di tranquillità, ma non sempre in stati meditativi. Alpha è “il potere della società”, l’essere qui, nel presente. Le onde alpha sono lo stato di riposo per il cervello quindi aiutano il coordinamento mentale, la calma, la vigilanza, l’integrazione globale e l’apprendimento.

  • Onde beta (da 12 a 38 Hz)

Beta brainwaves are present in our normal waking state of consciousness.

Le onde cerebrali beta sono presenti nel nostro normale stato di veglia di coscienza.

Queste onde dominano il nostro normale stato di veglia e di coscienza quando l’attenzione è rivolta verso compiti cognitivi e verso il mondo esterno. Beta è un’attività ‘veloce’, presente quando siamo vigili, attenti, impegnati nella risoluzione dei problemi, del giudizio, del processo di prendere decisioni e mentre siamo impegnati o concentrati in attività mentali.

Le onde cerebrali beta sono ulteriormente suddivise in tre fasce:

  1. Lo-Beta (Beta1, 12-15Hz) può essere pensato come un’inattività veloce, o meditazione.
  2. Beta (Beta2, 15-22Hz) è la grande quantità di impegno o il capire attivamente qualcosa.
  3. Hi-Beta (Beta3, 22-38Hz) è un pensiero molto complesso, dovuto a nuove esperienze, un elevato livello di ansia, o eccitazione. Le continue frequenze alte non sono un buon modo per elaborazione dei dati nel cervello, in quanto richiededono una quantità enorme di energia.
  • Onde gamma (da 38 a 42 Hz)

Le onde cerebrali gamma (ad alta frequenza, come un flauto) sono il più veloce delle onde cerebrali e riguardano l’elaborazione simultanea di informazioni provenienti da diverse aree del cervello.

Si passano le informazioni rapidamente, quindi la mente deve essere rilassata. Gamma inizialmente venivano considerate solo come un “rumore di sottofondo del cervello” fino a quando i ricercatori hanno scoperto che era molto attiva in stati di amore, altruismo, e di virtù più alte. La Gamma è la più alta delle frequenza di scarica neuronale e rimane un mistero di come vengono generate. Si dice che i ritmi Gamma modulano la percezione e la coscienza, e che una maggiore presenza di Gamma si riferisce alla coscienza espansa e alla spiritualità.

 

Cosa significano per te le onde cerebrali

Il nostro profilo delle onde cerebrali e la nostra esperienza quotidiana del mondo sono inseparabili. Quando le nostre onde cerebrali sono in equilibrio, non ci saranno problemi la nostra salute emotiva o neuro-fisica corrispondente. La ricerca ha individuato modelli di onde cerebrali associate a tutti i tipi di condizioni emotive e neurologiche.

  • In fase sovra-eccitazione in alcune aree del cervello, è legata a disturbi d’ansia, disturbi del sonno, incubi, iper-vigilanza, comportamenti impulsivo, rabbia/aggressività, depressione agitata, dolore neuropatico cronico e spasticità.
  • In fase sotto-eccitazione in alcune aree del cervello, porta ad alcuni tipi di depressione, deficit dell’attenzione, dolore cronico e insonnia.

Una combinazione di sotto-eccitazione e sovra-eccitazione è visto nei casi di ansia, depressione e ADHD.

Alterare le onde cerebrali

In regola generale, qualsiasi processo che cambia la percezione cambia le onde cerebrali.

Interventi chimici come farmaci o droghe ricreative sono i metodi più comuni per alterare le funzioni cerebrali; tuttavia è una nostra scelta la formazione di onde cerebrali.

Tra i metodi orientali tradizionali ci sono la meditazione e lo yoga in modo da tenere le onde cerebrali in equilibrio. Tra i metodi più recenti esistono metodi a basso costo per modificare temporaneamente il stato di onde cerebrali. Se si sta cercando di risolvere un particolare difficoltà o di affinare la funzione delle onde cerebrali, esistono strategie e metodi di allenamento del cervello mirate, rapide e con risultati duraturi come neurofeedback e PEMF.

Author: ideasumisura*

Share This Post On